1940 -1941

Nell'aprile 1940 Hitler aveva occupato la Danimarca e la Norvegia, mentre il 14 giugno le forze tedesche entravano a Parigi. Si forma in Francia il governo della disfatta, con sede a Vichy, che firma l'armistizio con la Germania e l'Italia, entrata in guerra il 10 giugno 1940.In poco tempo la Francia viene sconfitta dall'esercito tedesco ed Hitler può concentrare i suoi sforzi contro l'Inghilterra, mentre il generale De Gaulle incita da Londra i Francesi alla resistenza. Incominciano i bombardamenti tedeschi sulle città industriali e su Londra, MUSSOLINI manda intanto un gruppo di aerei italiani a partecipare alle incursioni che provocano gravissime devastazioni.Utilizzando il radar gli aerei inglesi riescono ad intercettare i bombardieri rendendo loro sempre più difficile il raggiungimento degli obiettivi. La battaglia d'Inghilterra nel settembre 1940 segna la prima sconfitta dell'aviazione tedesca. Hitler vuole allora colpire l'Inghilterra isolandola dai suoi domini e per realizzare questo obiettivo intraprende la guerra sottomarina, con elevate perdite di sommergibili per la Germania e la guerra nell'Africa del Nord, per la quale non può contare sull'appoggio della Spagna come aveva sperato. In Libia combattono anche gli Italiani che si erano spinti al comando del maresciallo Rodolfo Graziani fino a Sidi -Barrani (settembre 1940). Nel dicembre 1940 gli Inglesi, vittoriosi nell'Africa orientale occupano Bengasi e la Cirenaica ed il 5 maggio 1941 conquistano Addis Abeba. Mussolini, dichiarata il 10 giugno 1940 guerra alla Francia e all'Inghilterra, il 28 ottobre 1940 attacca la Grecia. L'esercito  italiano, inizialmente in grave difficoltà, ne esce fuori in seguito all'avanzata dei Tedeschi che nel marzo 1941 avevano occupato la Bulgaria. I Greci, minacciati dai Tedeschi che avanzano da sud, attaccati dagli Italiani al nord, sono costretti ad arrendersi. Anche in Libia Hitler invia un corpo di spedizione al comando del generale Rommel, l'esercito tedesco rioccupa Bengasi e costringe in pochi giorni gli Inglesi a ritirarsi dalla Cirenaica.La Germania nel 1941 aveva occupato anche la Jugoslavia e costituiva un pericolo per l'Inghilterra in Africa minacciando di occupare il Canale di Suez, che alimentava in buona parte l'economia di guerra degli Inglesi. Ad aiutare l'Inghilterra è l'America (era stato eletto per la terza volta come presidente Roosevelt) con la legge "degli affitti e dei prestiti" del marzo 1941, che permette di fornire agli Inglesi materiale bellico e prodotti agricoli, senza l'assillo dei pagamenti. ed il peso delle riparazioni. Hitler nel giugno 1941 mette in atto il piano "Barabarossa", cioè il piano d'invasione dell'Unione Sovietica, a cui lo spinge la sua concezione ideologica, la sua idea della marcia conquistatrice verso est, ma incontrerà forte resistenza del popolo russo. 

Dal 1936 al 1943 il ministro dell'educazione nazionale è GIUSEPPE BOTTAI,  che nel 1940 emana la Legge n.899 del 1 luglio con la quale viene istituita la scuola media unica e con la circolare ministeriale n.14910 del 23 settembre 1940 vengono emanati i programmi per gli esperimenti nella scuola materna. Ricordiamo che Bottai (Roma 1895-1959), deputato nel 1921, fu uno dei fondatori dei fasci di combattimento e partecipò alla marcia su Roma. Sottosegretario al ministero delle Corporazioni dal 6 novembre 1926, preparò l'attuazione dell'ordinamento corporativo di cui fu il principale sostenitore attraverso la Carta del lavoro. Ministro delle Corporazioni dal 1929 al 1932, governatore di Roma dal 1935, fu il primo governatore di Addis Abeba nel 1936 e ricoprì la carica di ministro dell'Educazione nazionale dal 1936 al 1943.Condannato a morte in contumacia a Verona nel 1944 e all'ergastolo dall'Alta corte di giustizia nel 1945, si rifugiò in Algeria arruolandosi nella legione straniera. Amnistiato, tornò in Italia e militò fino alla morte nel partito monarchico La scuola media unica prevista dalla Carta della Scuola del 1939,comprendeva la scuola per i mestieri, la scuola per le piccole professioni e la scuola per la classe dirigente. Secondo Bottai "la scuola moderna non può organizzarsi altrimenti che in modo unitario", ma in realtà l'unitarietà è tradita nel riordinamento scolastico che prevede oltre a queste differenziazioni per la scuola media, una distinzione della scuola elementare in urbana e rurale, un ordine femminile di scuole e distingue gli accessi ed i percorsi curricolari delle varie scuole e i relativi accessi all'università.Quanto alla scuola materna la Carta della scuola dedica ad essa tre dichiarazioni. La settima dichiarazione afferma che la scuola materna è biennale  e fa parte integrante dell'ordine primario, nella nona dichiarazione si dice " la scuola materna disciplina ed educa le prime manifestazioni dell'intelligenza e del carattere dal quarto al sesto anno". Nella venticinquesima dichiarazione è stabilito il passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare.Come primo atto del servizio scolastico essa è considerata obbligatoria e statale, ma l'educazione infantile è ancora definita materna, agganciata alla famiglia e al metodo Agazzi, cioè al metodo delle scuole infantili cattoliche, dichiarato da Bottai nel 1941 il metodo ufficiale della scuola materna italiana. L'Italia non aveva ancora una scuola materna di stato e lo Stato non aveva né volontà, né soprattutto i mezzi per rimpiazzare l'iniziativa privata e la Carta della scuola si ridusse per la scuola materna ad una semplice circolare, che assegnava ad alcune scuole pilota il compito di inventare una didattica ed i criteri per una nuova educazione politica della prima infanzia.Il Comune di Amelia nel 1940 è guidato dal podestà ERCOLANI ERCOLE GIUSEPPE (eletto nel 1936) e sappiamo che nella seduta del 14 settembre il Consiglio Comunale aveva deliberato di corrispondere al veterinario dottor Boresta Alessandro un compenso per la spesa sostenuta durante l'infezione epizoptica e la rogna ovina. Nella seduta del 17 ottobre 1940 si delibera la liquidazione delle spese per i medicinali forniti ai poveri del Comune dalla farmacia del dottor Bonanni Ezio; la nomina di una guardia avventizia nella persona del signor Piciucchi Aquilino e l'acquisto di un'elettropompa centrifuga per l'impianto di sollevamento dell'acquedotto di Fornole al prezzo di lire 12.000. Nella seduta del 24 ottobre viene deliberata la tariffa imposta bestiame per l'anno 1941, mentre nella seduta del 22 novembre si delibera di liquidare all'ingegnere Santori Gioacchino la parcella di lire 4.077 quale direttore dei lavori e collaudo dell'acquedotto di Foce e si provvede alla nomina dell'insegnante di musica e direttore del concerto cittadino dal 1 gennaio 1941 nella persona del maestro Cesare Zanetti residente ad Arrone. Il 7 dicembre 1940 si conferma l'indennità caroviveri ai dipendenti comunali per l'anno 1941 e si delibera di corrispondere il compenso agli impiegati comunali per il lavoro svolto nel servizio razionamento consumi dal 1 luglio al 30 settembre 1940. Nella seduta comunale del l'11 gennaio 1941 di delibera di dare l'incarico alla ditta Valentini Menotti di Narni dell'impianto del termosifone dei nuovi locali per la Commissione mobile di leva, secondo il preventivo di lire 5000 e di liquidare a favore del segretario comunale Della Vedova la somma di lire 317,45 per i diritti di segreteria nel secondo semestre 1940. Il 1 febbraio si provvede alla liquidazione delle spese per i medicinali forniti ai poveri del comune dalla farmacia dell'ospedale durante il secondo trimestre 1940 per lire 2070 e alla farmacia del dottore Bonanni per la fornitura nel quarto semestre 1940 nella somma di lire 1950. L'8 febbraio 1941 si delibera di abbonare il comune di Amelia al quotidiano "Il popolo d'Italia"prelevando la somma di lire 75 dall'articolo 14 del bilancio 1941. Il 22 febbraio si delibera di liquidare la nota delle spese di lire 96,60 sul contratto con Corvi Evellio per la vendita del taglio boschivo di Fortecesare Vocabolo Pozzarelli e Fondo delle Castagne e Piaggerelle; di concedere l'aumento sessennale al custode del carcere mandamentale Silvani Alfredo per la nascita di un figlio. Il 1 marzo viene stabilito di concedere al maestro di musica Zanetti il compenso di lire 220 mensili lorde per il maggior lavoro che egli presta negli uffici amministrativi del Comune; di concedere per l'anno 1940-1941 all'insegnante della scuola sussidiata di S. Maria un sussidio di lire 800. Nella seduta del 3 aprile si delibera di approvare la tariffa delle imposte di consumo sui vini, uva, mosto, spumanti, alcool, acquavite e liquori, carni, pesce, latticini, dolciumi ed altri commestibili, inoltre materiale da costruzioni, materiale sanitario, apparecchi da riscaldamento,ecc  e di approvare il regolamento per il Concerto Municipale. Il 19 aprile 1941 si delibera di concedere l'aumento del 40% sulle indennità caroviveri al personale di ruolo dipendente dal Comune : Della Vedova segretario capo, Suatoni Salvatore applicato contabilità, Pinzaglia Domenico applicato stato civile, Romei Giuseppe e Monzi Orlando guardie, Zampaglione Salvatore e Banella Bruno medico condotto, Boresta Alessandro veterinario, Franchi Nivella e Chiaparicci Rosa levatrici,  Zanetti cesare maestro di musica, Leonardi Pietro custode del mattatoio, Silvani Alfredo custode del carcere; di concedere al personale fuori ruolo del Comune una maggiorazione del 40% calcolata sulla decima parte dello stipendio. Nella seduta del 10 maggio si delibera di liquidare le spese sui fondi a calcolo, di liquidare agli impiegati comunali il consumo per ore straordinarie eseguite durante il primo quadrimestre del corrente anno; di liquidare alla farmacia del dottor Bonanni per la fornitura del primo trimestre 1941 lire 1200; di aumentare al dattilografo Gemma Nazzareno il compenso elevandolo a lire 400 lire mensili. Il 24 maggio si delibera di aumentare il compenso per il servizio di pulizia nei locali della Regia Pretura alla signora Suatoni Amalia elevandolo da lire 27,65 a lire 40 al mese; di pagare all'ospedale civile di Terni la somma di lire 5.120,60 per ricoverati aventi il domicilio di soccorso in Amelia. Il 7 giugno si delibera  di liquidare al Consorzio Provinciale Antitubercolare la somma di lire 12.466, 85, quale quota del Comune nel ricovero di t.b.c. durante l'anno 1940; di affidare l'incarico di regolatore orologi pubblici al signor Albini Domenico, dimessosi il signor Polidori Polidoro. Nella seduta del 14 giugno 1941 si delibera di aumentare il canone manutenzione linee telegrafiche, elevandolo da lire 100 al km e da lire 150 a lire 300 annue e di elargire alla Cassa Scolastica del Regio Istituto Tecnico Inferiore di Amelia un sussidio straordinario di lire 100.