1941 -1942

Nel giugno 1941 Hitler invade l'Unione Sovietica impiegando le sue divisioni corazzate, la sua aviazione ed una massa di uomini.La tattica tedesca messa in atto era quella già sperimentata contro la Francia: formare enormi sacche entro le quali cadevano le truppe russe. La tattica sovietica era invece la stessa adottata contro Napoleone: ritirarsi facendo terra bruciata, portare il nemico lontano dalle linee di rifornimento e prepararsi alla controffensiva. Stalin aveva lanciato il 3 luglio un appello patriottico al popolo per prepararsi alla guerra nazionale contro l'invasore per la quale chiedeva l'unità del popolo e l'aiuto della chiesa ortodossa. Così mentre le truppe tedesche avanzavano, si formavano reparti di guerriglia partigiana che tormentavano, insidiavano ed infliggevano gravi perdite ai reparti tedeschi. L'esercito tedesco occupa parte della Polonia che era sotto il controllo sovietico, passa in Ucraina, entra a Kiev, si ferma  a Smolensk, dove deve combattere duramente. Giunge successivamente a Mosca, Leningrado e Stalingrado e con l'arrivo dell'inverno Hitler annuncia l'8 dicembre 1941 che sospendeva per il momento le operazioni militari.Mentre l'esercito tedesco dilagava attraverso le pianure russe, il Giappone preparava la guerra contro gli stati Uniti.Dal 1937 il Giappone pensava alla sottomissione della Cina ed i militaristi nipponici riescono a convincere il governo che il problema della Cina poteva essere risolto nel quadro di un'offensiva diretta alla conquista di tutta l'Asia sud -orientale e degli arcipelaghi, dall'India all'Australia.  Per fare ciò, bisognava ammettere una guerra contro la Gran Bretagna e gli Stati Uniti. Tra il 6 ed il 7 dicembre 1941 gli arerei giapponesi sferrano un attacco contro la flotta americana ancorata a Pearl Harbor. Gli stati Uniti dichiarano allora guerra al Giappone  mentre la Germania e l'Italia dichiarano guerra agli Stati Uniti. Roosevelt e Churcill il 14 agosto 1941 avevano redatto la carta Atlantica secondo cui gli stati Uniti e l'Inghilterra dichiaravano di non mirare all'espansione territoriale, veniva riconosciuto a tutti i popoli il diritto di conservare i propri confini e di darsi la forma di governo desiderata,  di dare il libero accesso a tutti i popoli per il commercio. Hitler nel frattempo pensava alla sicurezza economica cercando di fare dell'Europa il serbatoio dell'economia tedesca. Fallito il tentativo di conquistare l'Inghilterra, Hitler si riversa sulle terre dell'est ed affida al razzista Rosemberg i piani per la sistemazione dei territori sovietici. La politica tedesca si dà così ad un brutale sfruttamento delle risorse dei territori occupati ed allo sterminio delle minoranze etniche, in particolare degli ebrei considerati biologicamente "inferiori"attraverso i campi di sterminio. L'inverno 1941-1942 fu l'anno più tragico della guerra, i nazisti prelevano dai paesi dell'Europa occupata qualsiasi materiale anche umano attraverso il lavoro obbligato e le deportazioni. Nel 1942 l'Europa era sotto il controllo nazista ed in molti paesi occupati i Tedeschi avevano creato governi collaborazionisti, le popolazioni vivevano in regime di forti restrizioni, incominciando dalla libertà fino al razionamento dei viveri. L'Italia guidata da Mussolini aveva assecondato Hitler in questa espansione territoriale, sia era schierata nella guerra contro gli stati Uniti ed alcune truppe italiane avevano occupato la Jugoslavia e la Grecia. Nel campo scolastico il ministro Bottai nel 1942 aveva emanato la legge n.86 del 19 gennaio con la quale le scuole private, venivano distinte in pareggiate, legalmente riconosciute e private, mentre con la legge n.675 del 1 giugno 1942 i maestri venivano inquadrati nel ruolo B dell'ordinamento gerarchico delle amministrazioni dello stato. Con decorrenza dal 1 ottobre 1942 gli insegnanti elementari inquadrati nella quinta categoria, di cui al R. D. 1 luglio 1933 n.786 e quelli delle scuole rurali di cui al R.D. L.14 ottobre 1938 n.1771 sono diventati impiegati dello stato del gruppo B.  Secondo questa legge, la carriera degli insegnanti si svolgeva dal grado XII al grado IX, in un unico ruolo nazionale, nell'ambito del quale conseguivano gli aumenti periodici di stipendio stabiliti per ciascun grado, e la promozione da un grado all'altro nel limite dei posti vacanti nel grado superiore (sistema dei "ruoli chiusi"). La legge dettava anche le modalità con le quali i maestri effettivi, in servizio dal 1 ottobre 1942, dovevano essere inquadrati nei vari gradi e nelle varie classi di stipendio di ogni grado del gruppo B. Ricordiamo che l'articolo 13 prevedeva che i provvedimenti riguardanti lo stato giuridico degli insegnanti elementari sarebbero stati accentrati nel Ministero. In questo anno il Comune di Amelia è ancora guidato dal podestà ERCOLANI ERCOLE GIUSEPPE e sappiamo che nella seduta del 6 settembre 1941 era stato deliberato di liquidare le spese su fondi a calcolo imputandone l'importo sugli articoli di bilancia. Tra queste spese ricordiamo lire 913,75 al signor Romei Giuseppe per il pagamento di operai adibiti a restauri dei locali della scuola materna, lire 240 al signor Antonini Quintino per riparazione infissi alle scuole elementari, lire 45 per lavori di falegname per i locali della scuola materna, lire 490 al signor Santini Luigi per la fornitura di legnami per lavori alla scuola materna, lire 150 alla signora Brunacci Nunzi Corisma per l'acquisto dell'apparecchio radio per la scuola di Sambucetole. Il 25 settembre 1941 si delibera di apportare modifiche  al regolamento per l'applicazione dell'imposta di consumo sui materiali per costruzioni edilizie, di accogliere la domanda di alcuni contribuenti e di restituire agli stessi le quote d'imposte e tributi indebitamente percepiti. Si tratta di persone decedute, con famiglie indigenti o con numerosa prole.Il podestà ora è il signor MORELLI STANISLAO

Il podestà Morelli Stanislao: foto concessa dal dottor Spagnoli Giovanni

Nella seduta del l'11 ottobre 1941 si delibera di liquidare spese su fondi a calcolo tra cui lire 1620 alla tipografia Petrignani per la fornitura di stampati e registri per le scuole e di confermare per l'anno in corso il sussidio a vari enti, tra cui all'asilo d'infanzia d'Amelia lire 3000. Il 18 ottobre 1941 si delibera di liquidare spese per le operazioni di censimento dei cereali per la somma complessiva di lire 1054. Il 25 ottobre 1941 si delibera di assegnare ai vari uffici gli avventizi con retribuzioni mensili, come vice segretario Zanetti Cesare con lire 200, allo stato civile Cinti Melita con lire 200 e Ceccarelli Gina con lire 150,  alla contabilità Suatoni Mario con lire 250, all'annona Cinti Franco con lire 4090 e Spina Dolores con lire 350, Feroce Elfio con lire 200 e Santori Dario con lire 100, alla direzione didattica Lorenzoni Giuseppina con lire 150, al Fascio (servizio prezzi) Menghini Olga lire 120.  Nella seduta dell'8 novembre 1941 si delibera di corrispondere lire 120 al signor Sciloffi Sante per lavori e fornitura di travertino per la scuola materna, lire 110 ad Asciutti Pietro per restauro scuola di Sambucetole, a Poaloucci Giacobbe lire 125 per fornitura materiali laterizi per restauri scuola, alla Casa Editrice Vallardi Milano lire 860 per fornitura materiale didattico alle scuole, lire 3580 al signor Antonini Quintino per la fornitura di 20 banchi e 20 sgabelli e un tavolo per le scuole. Il 15 novembre 1941 si delibera di approvare il bilancio preventivo per l'anno 1942 in lire 1,385.432, 57, sia in entrata che in uscita.  Il 4 dicembre 1941 si delibera di liquidare tra le varie spese lire 30 alla maestra De Blasio Elena per il rimborso delle spese di sistemazione della scuola di Croce d'Alvo, lire 50 alla maestra Bruno Grazia per il rimborso spese per la scuola di Castelluccio, di confermare per il 1941 i sussidi automobilistici nella misura seguente:  società autolinee Roma per i servizi Amelia- Terni e Amelia- Attigliano lire12.000, Società Automobili di Montecastrilli lire 2000.Il 31 dicembre 1941 si delibera  di liquidare tra le varie spese lire 1000 per gli arredi scolastici, lire 1652 per la provvista di mobili alle scuole, lire 46 al signor Liberati Cafiero per la costruzione di finestre per la scuola materna e lire 770 per la fornitura di mattonelle per la scuola materna. Nella seduta del 17 gennaio 1942 viene deliberato di approvare il consuntivo dei lavori redatto dall'ingegnere Santori Gioacchino per la costruzione della linea elettrica dell'acquedotto di Foce per lire 19.380,45 e di approvare il collaudo dei lavori di costruzione secondo il certificato dell'ingegnere Rinaldi Giulio e la relativa liquidazione per l'importo di lire 81.0,97, 30. Il 31 gennaio 1942 sai delibera di liquidare tra le varie spese lire 120 ai fratelli Rosa per la fornitura di lisoform greggio per le scuole. Il 14 febbraio si approvano tra le varie spese lire 1713 per la fornitura di metri cubi 24 di legna per riscaldamento uffici e scuole al signor Cassetti Emanuele, lire 2040 al signor Farrattini Ettore per la fornitura di quintali 95,65 di legna per riscaldamento di uffici e scuole, lire 600 alla ditta fratelli Federici per il trasporto di q 101 di legna per uffici e scuole, lire 96 al maestro Cinti Sallustio per il rimborso del consumo della luce nella scuola di Porchiano per l'anno 1941, lire 147 alla tipografia Petrignani per la fornitura di stampati per le scuole elementari , lire 200 alla ditta Achille Petrignani per la fornitura di oggetti di cancelleria per le scuole, lire 45 alla Società Poligrafica Salvati per la fornitura di elenchi per obbligati dell'istruzione elementare, lire 1020 ai fratelli Rosa per la fornitura di una stufa e una cartelliera per la direzione didattica. Il 7 marzo 1942 si delibera di liquidare tra le spese lire 110 ai fratelli Rosa per la fornitura di vernici per infissi dell'aula scolastica di Fornole, lire 420 al signor Pinzaglia Orlando per la ripulitura dell'aula scolastica a Fornole e lire 200 al parroco Luchetti Vincenzo per il sussidio all'asilo d'infanzia di Avigliano. Il 2 aprile 1942 si approvano tra le spese lire 355 al signor Pagliari Pietro per l'applicazione di vetri nella finestra della sala del dopolavoro di Fornole adibito ad aula scolastica, lire 274 sempre a Pinzaglia Orlando per le riparazioni eseguite alla stufa nella scuola di Fornole, lire 930 al signor Farrattini Ettore per la fornitura di q 43,80 di legno di leccio a lire 21 per uffici e scuole, lire 100 alla signora Tinarelli Gasperina per il rimborso spese pulizia straordinaria alle aule delle scuole elementari. Il 17 aprile 1942 si approva di pagare all'ospedale civile di Terni la somma di lire 1745, 40 per ricoveri di alcuni malati avvenuti nel 1941. Il 9 maggio 1942 si delibera di liquidare lire 160 al signor Albini Domenico per il lavori di fabbro negli edifici comunali, lire 160 al signor Zanetti Cesare lire 350 per il rimborso di spese postali, telegrafiche nel 1° quadrimestre 1942. Il 23 maggio viene deliberato di liquidare a favore dell'avventizio Coia Guido, richiamato alle armi, gli arretrati degli assegni civili dal 1 maggio 1941 al 15 aprile 1942. Il 3 giugno 1942 si delibera di liquidare tra le varie spese lire 2330 per le stampe da fattura alla tipografia Economica Moderna, lire 1700 alla ditta Castellani Orlando per le carte per detto ufficio. Il 20 giugno 1942 si approva no tra le spese lire 1350 per il rimborso spese riscaldamento agli insegnanti delle scuole rurali per l'anno 1941-1942, lire 469 ai fratelli Rosa per la fornitura di tubi in lamiera per le scuole, di concedere per il corrente anno all'insegnante della scuola sussidiata di S.Maria un sussidio di lire 800. Il 27 giugno 1942 si provvede alla nomina del delegato podestarile nella persona del maestro Giuseppe Frezza, che potrà assumere anche la rappresentanza del podestà nelle pubbliche funzioni e cerimonie, alle quali egli intervenga per delega del podestà. L'11 luglio1942 tra le varie spese si approvano lire 651,30 alla tipografia Petrigani per fornitura di buste intestate per la direzione didattica. Il 15 luglio 1942 si delibera di provvedere alla nomina del medico condotto di Porchiano nella persona del signor Canepone Luigi, già medico del comune di Lugnano, di concedere lire 500 a favore degli orfani ospitati nei collegi di S.Margherita Ligure e Cividale del Friuli e e liquidare la somma di lire 1999 a favore dell'Ente Comunale di Assistenza di Amelia per l'Opera Pia Orfanotrofio femminile. L'8 agosto1942 si delibera di liquidare tra le spese lire 75 al signor Ciuchi Tobia per lavori murari nella scuola di Macchie e lire 412 al signor Chieruzzi David per il saldo trasporti di legna per il riscaldamento delle scuole elementari. Il 14 agosto 1942 si delibera di far concorrere il comune di Amelia nella spesa di lire 5000 per le manifestazioni celebrative dei "Grandi Umbri" (in favore di Bartolomeo d'Alviano) che avverranno il 18 settembre. Il 20 agosto 1942 si delibera di far concorrere il Comune nella costruzione della linea per la pubblica illuminazione in località Cappuccini con la somma di lire 2500.